Sommario

Contattaci

E-mail: info@organic-way.com
sales@organic-way.com
Tel: 86-029-88813345

Isomaltoligosaccaride

N. CAS: 499-40-1
Altri nomi: IMO
MF: C12H22O11
N. EINECS: 207-879-1

Cos’è l’isomaltooligosaccaride?

L’isomalto oligosaccaride è un prodotto zuccherino a base di amido bianco in polvere raffinato dall’amido di mais raffinato   attraverso una serie di processi come la liquefazione, la concentrazione e l’essiccazione attraverso l’azione di enzimi, che possono promuovere la significativa proliferazione dei bifidobatteri ed è solubile in acqua La funzione della dieta la fibra e il basso potere calorifico lo rendono un oligosaccaride funzionale ampiamente utilizzato.

Specifiche

nome del prodotto Isomaltooligosaccaride
Aspetto esteriore Polvere bianca, liquido appiccicoso incolore o giallo chiaro
Contenuto IMO ≥90%
Contenuto IG2+P+IG3 ≥45%
Sostanza solida ≥75%
Trasparenza ≥95%
PH 4-6
Cenere (solfato) ≤0.3(g/100g)
Arsenico (come) <0,5 (mg/kg)
Piombo (Pb) <0,5 (mg/kg)
Conteggio aerobico totale (CFU/g) 1500
Coliformi totali (MPN/100g) 30
Muffa e lievito (CFU/g) 25
Batteri patogeni Assente

Caratteristiche

Eccellente resistenza al calore e agli acidi

L’isomaltooligosaccaride è una polvere bianca in apparenza, leggermente dolce nel gusto, facilmente solubile in acqua e la sua soluzione acquosa è un liquido incolore e trasparente. Eccellente resistenza al calore e agli acidi. Lo sciroppo al 50% non si decompone se riscaldato a lungo sotto PH3 e 120°C. Se applicato a prodotti sanitari, bevande, lattine e lavorazioni ad alta temperatura o alimenti a basso pH, le caratteristiche e le funzioni originali possono essere mantenute.

reazione di Maillard

È più facile da rosolare rispetto allo zucchero e può svolgere un ruolo eccellente quando il cibo deve essere cotto.

Fermentabilità

Gli isomaltooligosaccaridi sono zuccheri che i lieviti e i batteri lattici non possono utilizzare. Aggiunto al pane e al latte fermentato (yogurt), non verrà utilizzato da lieviti e fermenti lattici ma rimarrà negli alimenti per esercitare le sue caratteristiche e favorire lo sviluppo dei bifidobatteri. Soprattutto nel latte fermentato, non ostacolerà la normale fermentazione dei batteri lattici.